Autismo, IColori di Silvia, il Sito di Silvia Cassani bambina autistica di Busto Arsizio


Vai ai contenuti

presentazione

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

L'Autismo è anche potenzialità che altri non hanno.
Non è solo malattia, diagnosi, terapia, sofferenza, angoscia, limitazione…


Certo, ci sono le crisi, che arrivano quando meno te lo aspetti, ci sono i calci, le sberle e le tirate di capelli e le rotture di…soprammobili, che chi convive con un autistico ha sicuramente sperimentato.
Ma non è solo questo.

Ci sono i cambi di stagione, che portano a scompensi di umore perché si lotta con chi vuole mettersi ancora gli scarponi e la felpa a maggio o le maniche corte e i sandali a ottobre;
ci sono i pranzi e le cene in cui tutto ciò che si cucina, e che di solito piace, all'improvviso viene scartato con una smorfia perché "puzza" (!?!?!);
ci sono gli orari da rispettare e gli imprevisti da imparare a svicolare per evitare le famigerate crisi…
ci sono tante feste a cui rinunciare perché si sa che la confusione è deleteria.
Ma non è solo questo.

Vivere con un autistico è anche sviluppare al massimo la propria fantasia per scoprire come comunicare meglio in una determinata situazione,
imparare a gioire di essere riusciti a fare la spesa insieme grazie agli accorgimenti scritti preparati in anticipo,
vedere come tuo figlio migliora nel rapporto con i coetanei e che ora può partecipare ad una festa di compleanno di un compagno.

Fermo restando che nessuna persona autistica è uguale all'altra e che esistono diversi gradi e diversi "funzionamenti", nella nostra esperienza l'autismo ha lati positivi, sì, positivi!

Silvia non sarebbe ciò che è se non fosse autistica: a scuola noi normali abbiamo bisogno di leggere più di una volta un testo per impararlo, a lei basta guardarlo. E così per le tabelline, per le parole in inglese…
Il PC per lei non ha segreti, sia un Windows o un Mac, tutti i programmi che le interessano diventano suoi in un lampo. Noi normali non siamo così elastici.
Tutti concordano nel dire che non hanno mai visto dei disegni così belli in un bambino di otto anni: come non attribuire alla sua mente autistica queste innate capacità?

Dopo aver visto il film su Temple Grandin ed averne letto i libri, dopo aver conosciuto figure come lei e altre persone autistiche laureate e ben inserite nel proprio tessuto sociale, abbiamo ripreso nuovo vigore e speranza nell'aiutare e stimolare la piccola Silvia.

E allora basta parlare di "isole" di competenza, questi bambini hanno un'intelligenza pari se non superiore ad altri.
Occorre trovare la "chiave d'accesso" per entrare in contatto le loro menti misteriose, ma una volta riusciti, le soddisfazioni che un genitore riceve sono doni inaspettati.
Perchè come dice la madre di Temple Grandin: MIA FIGLIA E' DIVERSA, MA NON DA MENO DEGLI ALTRI.


Home Page | presentazione | la storia di Silvia | i disegni di Silvia | nuovi disegni | link utili | lascia un messaggio | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu